Segnaletica stradale

COLLOCAZIONE DIVIETO DI SOSTA TEMPORANEO

DIVIERTO DI SOSTA

E’ possibile la collocazione di segnali stradali che impongano un divieto di sosta temporaneo per esigenze funzionali allo svolgimento di manifestazioni, per lavori stradali, per la effettuazione di pulizia della strada o comunque per qualsiasi esigenza di carattere tecnico? E se sì con quali limiti e condizioni?

Si veda sull’argomento il recente pronunciamento avvenuto con sentenza  CASS. CIV., Sez. VI,  20-03-15 N° 5663.

Cliccare QUI per un breve approfondimento.

Giovanni Paris

http://www.corsidipolizialocale,it

Annunci

SENTENZA DELLA CASSAZIONE SULLA DURATA DEL “GIALLO” SEMAFORICO

54651-semaforgiallo

IN UN PRECEDENTE ARTICOLO DAL TITOLO ‘LA DURATA TEMPORALE DEL “GIALLO” SEMAFORICO’ DEL 17/06/14 ERA STATA AFFRONTATA LA QUESTIONE RELATIVA ALLA DURATA TEMPORALE MINIMA DI ACCENSIONE DELLA LUCE GIALLA SEMAFORICA.

SI SEGNALA LA SENTENZA DELLA CASSAZIONE 01/09/14 N° 18740 CON LA QUALE SI RIBADISCE LA MANCANZA DI UNA REGOLAMENTAZIONE IN MATERIA DA PARTE DEL CODICE DELLA STRADA, STABILENDO CHE LA DURATA NON PUO’ ESSERE INFERIORE A TRE SECONDI, CORRISPONDENTE AL TEMPO DI ARRESTO DI UN VEICOLO CHE PROCEDA AD UNA VELOCITÀ NON SUPERIORE AI 50 KM/H.

QUESTO E’ IL PRINCIPIO ESPRESSO DALLA SUPREMA CORTE:

“Questa Corte ha già avuto modo di osservare (sentenza n. 14519/12, non massimata), in relazione ai tempi di permanenza dell’illuminazione semaforica gialla, che l’automobilista deve adeguare la velocità allo stato dei luoghi e che una durata di quattro secondi dell’esposizione della luce gialla non costituisce un dato inderogabile. Infatti, la risoluzione del Ministero dei Trasporti n. 67906 del 16.7.2007, nell’accertare che il codice della strada non indica una durata minima del periodo di accensione della lanterna di attivazione gialla, regola il tempo minimo di durata di detta luce che non può mai essere inferiore a tre secondi. A tale indirizzo la Corte ritiene di dare continuità, in considerazione del fatto che tre secondi costituiscono, in base allo studio prenormativo del C.N.R. pubblicato il 10.9.2001, richiamato dalla citata risoluzione ministeriale, il tempo di arresto di un veicolo che proceda ad una velocità non superiore ai 50 kmh. Con la conseguenza che una durata superiore deve senz’altro ritenersi congrua.”

CLICCARE QUI PER LA SENTENZA.

GIOVANNI PARIS

http://www.corsidipolizialocale.it