Month: luglio 2019

“DECRETO SICUREZZA”: NO AL POTERE SOSTITUTIVO DEI PREFETTI PERCHÉ TROPPO DISCREZIONALE, SÍ AL DASPO URBANO PURCHÉ IL DIVIETO DI ACCESSO AI PRESÍDI SANITARI NON SI APPLICHI A CHI HA BISOGNO DI CURE

Risultati immagini per PREFETTURA

 

Ufficio Stampa della Corte costituzionale

Comunicato del 24 Luglio 2019

(clicca e leggi)

Il potere sostitutivo del prefetto nelle attività di comuni e province è illegittimo perché lede l’autonomia degli enti locali e contrasta con il principio di tipicità e legalità dell’azione amministrativa. È invece legittima l’estensione ai presídi sanitari del cosiddetto Daspo urbano (divieto di accedere a taluni luoghi per esigenze di decoro e sicurezza pubblica) a condizione, però, che il divieto non si applichi ha chi ha bisogno di cure mediche o di prestazioni terapeutiche e diagnostiche, poiché il diritto alla salute prevale sempre sulle altre esigenze.

È quanto ha stabilito la Corte costituzionale con la  SENTENZA N° 195  (CLICCA E LEGGI) depositata oggi riguardante due aspetti del cosiddetto Decreto sicurezza (Decreto legge n. 113 del 2018).

Giovanni Paris

LA RICEVUTA DI RICHIESTA DI CARTA IDENTITA’ ELETTRONICA E’ DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO – NUOVA CIRCOLARE DEL MINISTERO DELL’INTERNO

Nuova circolare e si pensa (e spera) ultima del Ministero dell’interno sulla vicenda relativa alla questione se alla ricevuta di richiesta di carta di identità elettronica possa essere riconosciuto il titolo di documento di riconoscimento. Si legga il precedente articolo LA RICEVUTA DI RICHIESTA DI CARTA IDENTITA’ ELETTRONICA E’ DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO? dove si ricostruisce il succedersi delle prime favorevoli circolari del Ministero dell’Interno e il contrario avviso della Direzione Generale della Motorizzazione Civile.

Registriamo con favore la CIRCOLARE DEL MINISTERO DELL’INTERNO N° 9 DEL 16/07/19 (clicca e leggi) con la quale si ribadisce che  alla ricevuta di richiesta di carta di identità elettronica possa essere riconosciuto il titolo di documento di riconoscimento.

Giovanni Paris