NOZIONE DI “INCIDENTE STRADALE”

Comportamenti da tenere quando si è coinvolti in un incidente stradale

In un articolo del novembre 2014 DEFINIZIONE DI “INCIDENTE STRADALE”  (clicca e leggi) affrontammo la questione riguardante le situazioni che configurano il verificarsi di un incidente stradale e se esiste una sua definizione normativa.

Appurato che non esiste una definizione normativa di incidente stradale, sulla base del concetto di incidente stradale della Convenzione di Vienna del 1968 e di alcune sentenze della Corte di Cassazione, potemmo affermare che:

l’incidente stradale è un evento dannoso, negativo, involontario e accidentale:

– determinato dal comportamento umano per inadeguata condotta (azione o omissione) costituente violazione di norme di comportamento,
– che avviene sulla strada, sulle sue pertinenze o su altro luogo soggetto a pubblico passaggio (strada = area ad uso pubblico destinata alla circolazione dei pedoni, dei veicoli e degli animali, art. 2/1 C.d.S.) durante la circolazione stradale ,
– coinvolgendo pedoni, veicoli e animali e che turba la normale e regolare circolazione stradale ,
– determinando un evento dannoso per le cose, gli animali e le persone.

In un recente pronunciamento il Supremo Consesso Cass. Pen., Sez. VII, 24/6/2022, n° 24483 (clicca e leggi) è tornato sull’argomento confermando il concetto “ampio” di incidente stradale:

“…la nozione di incidente…ricorre certamente nel caso che lo riguarda (perdita di controllo del mezzo, urto contro il guard rail e posizionamento finale del veicolo sulla sede stradale): solo per citare un recente episodio, la Corte regolatrice, richiamando la nozione di incidente stradale ricavabile dalla Convenzione di Vienna dell’8 novembre 1968 (secondo la quale costituisce sinistro stradale “un evento verificatosi nelle vie o piazze aperte alla circolazione in cui rimangono coinvolti veicoli, esseri umani o animali fermi o in movimento e dal quale derivino lesioni a cose, animali, o a persone”), ha riconosciuto l’aggravante in un caso nel quale un motociclista aveva perso il controllo del mezzo ed era uscito di strada (Sez. 4, Sentenza n. 27211 del 21/05/2019, Granelli, Rv. 275872). La turbativa alla circolazione stradale, del resto, non significa che ciò comporti necessariamente un’interazione di qualsiasi genere tra il veicolo protagonista dell’evento ed altri veicoli, essendo sufficiente che la condotta alla guida del soggetto responsabile cagioni un’anomalia, o comunque una soluzione di continuità nel normale flusso del traffico veicolare: il che può certamente ravvisarsi anche nell’uscita di strada di un’autovettura, a nulla rilevando che quest’ultima resti o meno sulla sede stradale o si porti verso un’area ove non vi sono altri veicoli in transito. Tale aspetto é da tempo stato chiarito dalla giurisprudenza di legittimità, che ha chiarito che é sufficiente che si verifichi l’urto del veicolo contro un ostacolo ovvero la sua fuoriuscita dalla sede stradale, senza che sia necessaria la constatazione di danni a persone o cose (Sez. 4, Sentenza n. 36777 del 02/07/2015, Scudiero, Rv. 264419).”

Giovanni Paris

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...