RILEVATORE DI VELOCITA’ E DECRETO PREFETTIZIO


Autovelox a Verona: le strade controllate dalla Polizia locale nei prossimi  giorni

L’art. 4/1 del D.L. 121/02 prevede che “Sulle autostrade e sulle strade extraurbane principali di cui all’articolo 2, comma 2, lettere A e B, del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, gli organi di polizia stradale di cui all’articolo 12, comma 1, del medesimo decreto legislativo, secondo le direttive fornite dal Ministero dell’interno, sentito il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, possono utilizzare o installare dispositivi o mezzi tecnici di controllo del traffico, di cui viene data informazione agli automobilisti, finalizzati al rilevamento a distanza delle violazioni alle norme di comportamento di cui agli articoli 142, 148 e 176 dello stesso decreto legislativo, e successive modificazioni. I predetti dispositivi o mezzi tecnici di controllo possono essere altresì utilizzati o installati sulle restanti tipologie di strade, ovvero su singoli tratti di esse, individuati con apposito decreto del prefetto ai sensi del comma 2. …

L’inserimento di una strada all’interno del decreto prefettizio è sempre necessario per lo svolgimento del controllo del rispetto dei limiti di velocità attraverso misuratore elettronico di velocità?

La risposta è negativa, la condizione suddetta deve essere soddisfatta solo nel caso in cui il controllo è effettuato mediante APPARECCHIATURE FISSE CON RILEVAMENTO A DISTANZA, mentre nessuna limitazione al controllo è prevista nel caso in cui lo stesso è svolto con APPARECCHIATURE PRESIDIATE DA PERSONALE DI POLIZIA STRADALE.

Questo è stato ribadito, se ancora ce ne fosse stato bisogno, dalla  Cass. Civ., sez. VI – 2, ord., 09/06/22, n° 18560 (scarica e leggi), la quale afferma che “…L’utilizzazione degli apparecchi di rilevazione elettronica della velocità (e cioè gli autovelox) nei centri urbani è consentita, invece, com’è accaduto nel caso in esame alla luce del verbale di contestazione riprodotto in ricorso, con postazioni mobili e alla presenza degli agenti accertatori di polizia (Cass. n. 16622 del 2019), senza che sia a tal fine necessario alcun decreto prefettizio (necessario solo “ad usare apparecchiature elettroniche automatiche senza presidio per il rilevamento dei limiti di velocità”: Cass. n. 776 del 2021) del quale riprodurre i dati identificativi nel verbale di contestazione. …”

Giovanni Paris

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...