LOCAZIONE APPARTAMENTO A PROSTITUTA

IMG-20170406-WA0012

L’art. 3 della L. 20/02/58, n. 75 “Abolizione della regolamentazione della prostituzione e lotta contro lo sfruttamento della prostituzione altrui .” prevede:

“…È punito con la reclusione da due a sei anni e con la multa da euro 258 a euro 10.329 , salvo in ogni caso l’applicazione dell’ art. 240 del codice penale:

OMISSIS

2) chiunque, avendo la proprietà o l’amministrazione di una casa od altro locale, li conceda in locazione a scopo di esercizio di una casa di prostituzione;

3) chiunque, essendo proprietario, gerente o preposto a un albergo, casa mobiliata, pensione, spaccio di bevande, circolo, locale da ballo, o luogo di spettacolo, o loro annessi e dipendenze o qualunque locale aperto al pubblico od utilizzato dal pubblico, vi tollera abitualmente la presenza di una o più persone che, all’interno del locale stesso, si dànno alla prostituzione;

4) chiunque recluti una persona al fine di farle esercitare la prostituzione, o ne agevoli a tal fine la prostituzione;

OMISSIS

8) chiunque in qualsiasi modo favorisca o sfrutti la prostituzione altrui….”

Costituisce favoreggiamento o sfruttamento della prostituzione la locazione di un appartamento realizzata a favore di una prostituta?

La Corte di Cassazione con sentenza del 16/01/17 n° 1773 (clicca e leggi), confermando precedenti pronunciamenti, afferma che …la cessione in locazione, a prezzo di mercato, di un appartamento ad una prostituta, anche se il locatore sia consapevole che la locataria vi esercitera’ la prostituzione in via del tutto autonoma e per proprio conto, non integra il reato di favoreggiamento della prostituzione, atteso che la stipulazione del contratto non rappresenta un effettivo ausilio per il meretricio;…ricorre il reato se, oltre al godimento dell’immobile, vengono fornite prestazioni accessorie che esulino dalla stipulazione del contratto ed in concreto agevolino il meretricio (come nel caso di esecuzione di inserzioni pubblicitarie, fornitura di profilattici, ricezione di clienti o altro)..“.

Per precedenti sentenze in tal senso vedi:

  • Cassazione, III, 23/02/12 n° 7076
  • Cassazione, III, 04/07/13 n° 28754
  • Cassazione, III, 31/07/13 n° 33160
  • Cassazione, III, 28/09/15 n° 39181
  • Cassazione, III, 02/12/15 n° 47594

Giovanni Paris

http://www.corsidipolizialocale.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...